La colazione in dono

L’inverno inizia a pesare. A Cracovia, il cielo è sempre velato di smog perché nella cintura più interna le case sono ancora riscaldate coi “camini di maiolica”, in cui alla gente hanno insegnato a bruciare tutto il bruciabile: dal carbone alle scorie atomiche. Sabato si è insediato il nuovo vescovo di Cracovia, un nuovo cattofascista. Il papa sembra in grave difficoltà contro il clero arricchito e monarchizzante. Trump, tanto per, ha chiuso le frontiere ai siriani. Ho fatto la conoscenza con il canale tv di Radio Maria, che ieri mandava sulla tv della mia zia psicolabile programmi cospirativi sulla cattiveria degli agnostici. Poi ho discusso con la suddetta zia che apprezzava il governo dicendomi: “Ma perché, vuoi che ci siano i froci?”

Ha ragione nel sostenere, seppur con altre parole, che il discorso del potere usa la negazione di diritti come forma di annullamento esistenziale, non potendo (ancora) riaprire i campi.

img_2849

Sono dunque giornate dure. Il fiume ha gelato – è uno spettacolo emozionante, nel sole. E mortalmente pericoloso.

In giorni del genere sono tornata ad una delle mie colazioni preferite, insegnatami dalla mia amica Karo un giorno di partenza: il porridge di miglio, pere e prugne. Una colazione portatami in dono.

fullsizerender-2

Ingredienti

4 cucchiai di miglio

1 pera dolce e matura

4 prugne secche

1 cucchiaio di grasso (burro o olio di cocco)

(eventualmente un cucchiaino di miele o zucchero di canna)

Iniziate col mettere a bollire un pentolino d’acqua dove metterete a cuocere il miglio dopo averlo scottato. Intanto fate sciogliere il burro o l’olio di cocco su una padella a fuoco basso e fate caramellare la pera. La buona riuscita della ricetta dipende dalla dolcezza della pera: se questa è sufficientemente dolce e matura caramellerà con i propri stessi zuccheri in padella e non avrete bisogno di aggiungere altro. Altrimenti, potete aggiungere un cucchiaino di miele o zucchero di canna.

Quando dopo 10-13 minuti il miglio sarà quasi cotto mettete dentro le prugne tagliate a listelle e lasciate che l’acqua venga assorbita del tutto. Poi aggiungete le pere e lasciate cuocere ancora un istante, affinché i sapori si mescolino e aggiustino. Servite ancora caldo affinché vi dia la forza di affrontare la realtà, con il suo misto di dolcezza su un letto lontanamente amaro.

fullsizerender

E buongiorno!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...